Opera di Agostino Arrivabene - "Il ratto di Proserpina" 2011, tecnica mista su tela, cm 150 x 200

Agostino Arrivabene, artista di inconfutabile talento, pubblica su Facebook un invito a una mostra collettiva che si sarebbe tenuta a Crema dal 18 maggio al 3 giugno 2012 presso CONTRACT in via Stazione 86.
Nella lista degli artisti partecipanti nomi importanti: oltre a quello di Arrivabene anche Paul Beel, Nicola Verlato, Andrea Di Marco, Marco Mazzoni, Francesco De Grandi, Michelangelo Galliani e altri ancora.  In effetti sarebbero bastati anche solo un paio dei nomi in elenco per rendere la mostra un vero evento da non perdere.

Stavolta, però, non si parla degli artisti, per quanto importanti,  ma della location che li ospita.
CONTRACT non è una galleria d’arte nel senso stretto del termine. Non ha le pareti bianche sulle quali, appesi a catenelle e faretti strategicamente orientati, le tele “vivono” in una gelida atmosfera di timore reverenziale come spesso accade entrando in una sala espositiva. Qui non è così.
Varcata la soglia si ha una lieve perplessità e disorientamento iniziale ma solo per un breve istante.  Ci ritroviamo in un ampio open space,  caldo, elegante, accogliente, che mette a proprio agio, arredato con tavoli e librerie essenziali ma di eccellente qualità. Un altissimo soffitto ad angolo, sorretto da travi di legno a vista, copre la struttura e, ben integrate con l’ambiente, le opere d’arte.
Forse è proprio per il fatto che Contract è decisamente lontano dallo stereotipo di galleria che la mostra acquista un fascino particolare, interessante. Da vedere.
La loro attività principale sono gli arredi per l’ufficio, come ci spiega  Patriza Piarulli perfetta padrona di casa.  Con un grande sorriso e cortesia   ci racconta la sua passione per l’arte, motivo per cui, periodicamente, organizza  mostre riuscendo a riunire insieme opere di artisti importanti.
Pertanto, per gli appassionati d’arte, consiglio di segnare sulla propria agenda questa prestigiosa azienda della pianura padana, non si sa mai che la prossima volta ci possa regalare qualche altra bella sorpresa artistica.

Antonio Delluzio

sito internet: Contract